Ritratto di Anna Genoveffa di Borbone Condé, XVII secolo

Importante ritratto  a 3/4 raffigurante la Principessa Francese Anna Genoveffa di Borbone, Duchessa di Longueville Condé, ritratta con un lungo abito di seta nei toni del blue lapislazzulo e  adornata di  un collier di perle terminante con nastro rosso, pettinata con  un'acconciatura a chignon di perle e riccioli ricalanti, seduta  su di una poltrona di velluto rosso.

L'opera viene ceduta con due certificati di Autenticità.
Ringraziamo M. Patrice Dubois esperto in pittura antica francese a Parigi, per aver gentilmente visionato l'opera e confermato l'attribuzione per iscritto, rilasciandone Certificato di Autenticità.
Si riporta allo studio di Jacques Wilhem, opere inedite della famiglia Beaubrun, Revue de L'art, n° 5 pp. 19 - 32 - CNRS 1969

Olio su tela
Misure : Alt. 127 cm X Larg. 105 cm
Scuola Francese del XVII secolo
Attr. a Charles et Henri Beaubrun ( 1603 - 1677 )
Cornice in legno e stucco alla foglia oro

Restauro di manutenzione ordinaria di sola e leggera pulitura al tessuto pittorico, effettuato dal nostro laboratorio di fiducia a Firenze.
Provenienza : Castello in  Bretagna - Francia -
Opera visibile in Galleria


Anna Genoveffa di Borbone Condé :

Anna Genoveffa di Borbone (Castello di Vincennes, 28 agosto 1619 – Parigi, 15 aprile 1679) fu una principessa francese nota per la sua bellezza ed i suoi amori, la sua influenza durante le guerre civili della Fronda e la sua conversione al giansenismo.
Era l'unica figlia femmina di Enrico II di Borbone, principe di Condé, e della di lui moglie, Carlotta Margherita di Montmorency; era quindi sorella di Luigi, il Gran Condé.

Anna Genoveffa nacque nella prigione del castello di Vincennes, nel quale i suoi genitori erano stati relegati per la loro opposizione al Maresciallo d'Ancre, il favorito della regina Maria de' Medici, che all'epoca era reggente per il figlio Luigi XIII di Francia, ancora minorenne.

Venne educata con grande severità nel convento carmelitano in rue Saint-Jacques, a Parigi. I primi anni della sua infanzia vennero adombrati dall'esecuzione dello zio Enrico II, duca di Montmorency, unico fratello della madre, a causa dei suoi intrighi contro Richelieu nel 1632, nonché del cugino della madre, il conte François de Montmorency-Boutteville, accusato di duello illegale nel 1635. I genitori di Anna Genoveffa riuscirono però a trattare la pace con il Cardinale Richelieu e così, nel 1635, poterono far ritorno in società, dove ben presto la giovane principessa divenne una delle stelle dell'Hôtel de Rambouillet, che all'epoca era il centro di tutto quello che era colto, arguto e gaio in Francia.

Nel 1642 Anna Genoveffa venne data in moglie a Enrico II d'Orlèans, duca di Longueville, governatore della Normandia; egli era vedovo ed aveva il doppio dell'età della giovane moglie; il matrimonio non fu felice. Dopo la morte di Richelieu, suo padre divenne il capo del consiglio di reggenza durante la minore età di Luigi XIV, mentre suo fratello Luigi riportò una grande vittoria nella battaglia di Rocroi, nel 1643; questi avvenimenti portarono la Duchessa ad assumere un'elevata importanza politica.
Nel 1646 Anna Genoveffa accompagnò il marito a Münster, dove era stato inviato dal cardinale Giulio Mazarino come ministro plenipotenziario; qui riuscì ad esercitare il suo fascino sui diplomatici tedeschi che stavano lavorando alla Pace di Vestfalia e venne soprannominata "Dea della pace e della concordia".

Anna Genoveffa di Borbone-Condé Padre:
Enrico II di Borbone-Condé
Nonno paterno:
Enrico I di Borbone-Condé
Bisnonno paterno:
Luigi I di Borbone-Condé
Trisnonno paterno:
Carlo IV di Borbone
Trisnonna paterna:
Francesca d'Alençon
Bisnonna paterna:
Eleonora di Roucy de Roye
Trisnonno paterno:
Carlo di Roye
Trisnonna paterna:
Maddalena di Mailly
Nonna paterna:
Carlotta de La Trémoille
Bisnonno paterno:
Luigi III de La Trémoille
Trisnonno paterno:
Francesco de La Trémoille
Trisnonna paterna:
Anna di Laval
Bisnonna paterna:
Giovanna di Montmorency
Trisnonno paterno:
Anne de Montmorency
Trisnonna paterna:
Maddalena di Savoia
Madre:
Carlotta Margherita di Montmorency
Nonno materno:
Enrico I di Montmorency
Bisnonno materno:
Anne de Montmorency
Trisnonno materno:
Guglielmo di Montmorency
Trisnonna materna:
Anna Pot
Bisnonna materna:
Maddalena di Savoia
Trisnonno materno:
Renato di Savoia
Trisnonna materna:
Anna Lascaris di Tenda
Nonna materna:
Antonietta de La Marck
Bisnonno materno:
Roberto IV de La Marck
Trisnonno materno:
Roberto III de La Marck
Trisnonna materna:
Guglielmina di Sarrebruck
Bisnonna materna:
Francesca di Brézé
Trisnonno materno:
Luigi di Brézé
Trisnonna materna:
Diana di
Poitiers






clicca sulle anteprime per ingrandire le immagini



Condividi:      


Prezzo: € 18000

Richiedi informazioni su questo prodotto

Chiama il numero +39.0.55.828359 o compila il form sottostante




CAPTCHA Image
[ Cambia Immagine ]
Inserisci il codice che vedi
nell' immagine

Altri prodotti interessanti

Bacco propone ad Arianna il matrimonio...

Paesaggio tra realismo ed immaginario...

Olio su tela, chef-d'oeuvre dell'artista Francese Claude Guilleminet, opera in prima tela, cornice coeva.

Video Presentazione Charles Louis Clérisseau...

Annaffierei le rose con le mie lacrime per sentire il dolore delle loro spine e il rosso bacio dei loro petali.... Gabriel Garcia Marquez

Con le sue opere, De Nittis ci racconta la sua vita, inquieta e libera...

Da un importante collezionista francese...

Emozionante quadro di J.G. Rosier, olio su tavola...

Importante olio su tela raffigurante un bellissimo bambino dagli occhi azzurri, erede ufficiale al trono...

Boccoli dorati...paesaggio sullo sfondo, il Bambino Gesù ci mostra la sua croce...

Di notevole bellezza è la postura dell'angelo...

La scelta della modella...

Importante tela raffigurante la Santa Maria Maddalena all'interno di una grotta...

Una principessa francese nota per la sua bellezza ed i suoi amori...

La sua brillante clientela, fu all'origine del suo successo a Parigi...

La ricchezza del costume, la finezza dei ricami..

L'uso della toga era riservato esclusivamente ai cittadini romani maschi, mentre gli schiavi e gli stranieri non avevano il diritto di indossarla...

Da una residenza in Provenza, un' opera di grande eleganza...

Da una grande collezione di uno stilista americano...

La grotta diviene un laboratorio di studiosi, San Girolamo infatti compie un’opera impossibile ad un solo uomo...